Martedì, 10 Dicembre 2019 18:15

IL T.A.R. DEL LAZIO ACCOGLIE IL RICORSO DI ASPIRANTI POLIZIOTTI RITENUTI INIDONEI ALLE PROVE CONCORSUALI.

Pubblicato in Polizia di stato

Proseguono gli accoglimenti dinanzi al TAR del Lazio in merito alla procedura volta all’assunzione di 1851 Allievi Agenti. Dopo la nota questione dei soggetti esclusi dalle prove psicofisiche ed attitudinali poiché privi dei nuovi requisiti previsti dalla legge, il Giudice Amministrativo è tornato a pronunciarsi sui giudizi di inidoneità resi dalle Commissioni esaminatrici e, in particolare, su quelli resi all’esito delle prove psicologiche. Ad agire dinanzi al TAR sono stati tre ricorrenti, inizialmente esclusi dalla convocazione alle prove perché in possesso di un’età maggiore ai 26 anni e poi, una volta ottenuta la riammissione grazie al ricorso patrocinato dal nostro studio legale, ritenuti inidonei all’esito delle prove psicoattitudinali.

Il T.A.R. del Lazio, all’esito della camera di consiglio del 6 dicembre, ha accolto anche tali ricorsi e disposto una nuova verificazione medica, da effettuarsi nel contraddittorio delle parti. Il Giudice Amministrativo ha ritenuto che il giudizio espresso dalla Commissione esaminatrice fosse in contrasto con la documentazione medica depositata dai ricorrenti e proveniente da altre strutture sanitarie pubbliche ed ha, per tale motivo, ritenuto necessaria una nuova verifica medica. I ricorrenti avranno, così, la possibilità di sottoporsi ad un altro esame, per dimostrare la propria idoneità psicologica.

Trattasi di un ennesimo provvedimento positivo ottenuto in favore di aspiranti poliziotti, che dapprima sono stati esclusi da un’illegittima disposizione normativa sopraggiunta e poi ritenuti inidonei all’esito di prove non sempre trasparenti.

Visite oggi 11

Visite Globali 3134561