Pubblicato in Lavoro
Il Consiglio di Stato ha riconosciuto la correttezza della tesi difensiva prospettata dallo Studio Bonetti e Delia circa l’esistenza di evidenti vizi di violazione dell’anonimato che hanno caratterizzato le prove scritte del concorso per 559 agenti di polizia. Come avevamo già chiarito, l’intera prova di selezione degli aspiranti allievi poliziotti si presentava affetta da manifeste illegittimità che avevano consentito a centinaia di nostri ricorrenti di prendere
Scritto da: Claudia Palladino
Pubblicato in Numero chiuso
Il Tar del Lazio, III sezione bis, con articolata sentenza, ha accolto in via definitiva il ricorso dell'UDU Firenze che denunciava le gravi irregolarità verificatesi presso l'Ateneo fiorentino. “Trattasi di una questione sfociata anche in un procedimento penale.” - a parlare è l'Avvocato dell'UDU Michele Bonetti, che ha patrocinato il ricorso insieme all'Avv. Santi Delia - “Il Tar del Lazio, dopo un lungo processo iniziato al Tar della Toscana e proseguito al Co
Scritto da: Claudia Palladino
Pubblicato in Numero chiuso
Il T.A.R. Lazio, dopo la tanto artatamente pubblicizzata sentenza sul caso Sassari, accoglie il ricorso degli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia ripercorrendo in maniera approfondita e dettagliata il caso anonimato. Il T.A.R., ove pendono tutti i ricorsi degli studenti, ha in particolare ricordato e confermato la fondatezza del vizio dell'anonimato, sulla base della sentenza del Consiglio di Stato, di qualche giorno antecedente rispetto al peculiare caso Sassari, n. 15/2015. Come abbiamo s
Pubblicato in Numero chiuso
In data 26 agosto u.s., con ordinanza depositata il giorno seguente, il Consiglio di Stato ha ribadito il proprio orientamento sul vizio dell’anonimato. Dopo gli importanti accoglimenti sui ricorsi UDU (Leggi la notizia al seguente link http://www.avvocatomichelebonetti.it/index.php/primo-piano/item/865-anonimato-a-medicina-ecco-cosa-c%C3%A8-dietro-alle-2000-ammissioni), il Consiglio di Stato ammette con riserva i nostri ricorrenti dinanzi ad una sentenza del TAR Abruzzo che non aveva rileva
Pubblicato in News
Dal Corriere della Sera Test di medicina, la bomba a orologeria dei risarcimenti Il Consiglio di Stato ha condannato l’Università di Messina a pagare 10 mila euro di danni a due studentesse bocciate che avevano fatto ricorso per violazione dell’anonimato. Ora anche le casse degli altri atenei sono a rischio Il Consiglio di Stato, per la prima volta nella storia del numero chiuso, ha accolto le domande degli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia e sancito un nuovo e coraggioso principio
Pubblicato in Numero chiuso
Dopo le vittorie ottenute al Consiglio di Stato sulla violazione del principio dell’anonimato durante i test di ammissione a medicina, e le reiterate illegittimità verificatesi anche quest’anno nella sede di Salerno, abbiamo deciso di riaprire le adesioni per i ricorsi per i candidati che hanno sostenuto il test in questa sede. Infatti nella sede Salernitana durante il test è stato applicato un adesivo identificativo del candidato in prossimità del codice a barre del compito, metodo già
Lunedì, 23 Giugno 2014 16:47

Ricorso al T.A.R. Medicina "TOR VERGATA"

Pubblicato in Numero chiuso
Dopo le vittorie ottenute al Consiglio di Stato sulla violazione del principio dell’anonimato durante i test di ammissione a medicina, e le reiterate illegittimità verificatesi anche quest’anno nella sede di Tor Vergata (vedi il video sulle violazioni dell’anonimato a Tor Vergata negli anni precedenti qui), abbiamo deciso di riaprire le adesioni per i ricorsi per i candidati che hanno sostenuto il test in questa sede. Infatti le segnalazioni circa le irregolarità sono state tantissime e
Pubblicato in Numero chiuso
Dopo la recente vittoria al Consiglio di Stato su Salerno per la violazione del principio dell’anonimato, la storia si ripete: test d'ingresso dubbi questa volta presso l'Università Tor Vergata di Roma dove sono iniziate, d'altra parte, tutte le nostre indagini sull'anonimato, questione che ha ottenuto la definitiva consacrazione innanzi all'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato nel novembre 2013 e di cui ancora oggi parlano giornali e telegiornali. Si tratta di una violazione gravissima
Pubblicato in Numero chiuso
Ancora una volta, dopo anni di indagini, ricerche e accessi agli atti, il muro del numero chiuso è stato abbattuto. Abbiamo capito come e perchè quella selezione era mal gestita e come ripristinare la legalità. A Salerno, così ci ha scritto l'Ateneo, era prassi utilizzare l'etichettatura della documentazione di concorso, anche se proveniente dal Ministero come nel caso dell'ammissione a Medicina, a mezzo di codici a barre adesivi. Grazie a tale sistema, tuttavia, seppur la graduatoria era
Pubblicato in Numero chiuso
  Innanzi al contrasto giurisprudenziale tra le diverse Sezioni del Consiglio di Stato, il C.G.A. ha ritenuto talmente peculiare il caso anonimato all'Università di Messina, da rimettere la questione all'Adunanza Plenaria. La vicenda era quella che nel 2011 portò decine di ammessi all'Ateneo di Messina.I quattro nostri appelli riguardanti la predetta questione sono stati, così, rimessi dal C.G.A. all'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato. (C.G.A., 10 maggio 2013, n. 464).
Pagina 1 di 2

Visite oggi 661

Visite Globali 2157450