Medici specialisti 82/91

Martedì, 01 Ottobre 2013 14:23

IL SÌ DELLA SUPREMA CORTE AI MEDICI SPECIALISTI.

Scritto da
Pubblicato in Medici specialisti 82/91
La Cassazione ha riconosciuto ai nostri medici ricorrenti il diritto all’adeguata remunerazione per l’attività svolta nel periodo di formazione specialistica tra il 1 gennaio 1983 e il 1991 e tra il 1992 e il 2007. I medici specialisti non si sono mai arresi, ma forti delle proprie ragioni hanno continuato a difendere il diritto alla pretesa creditoria per gli anni della specializzazione, non riconosciuta allora dallo Stato che ha ritardato nell’applicazione della direttiva comunitaria secondo cui l’attività di lavoro prestata, formasse oggetto di “adeguata remunerazione” (Direttive Europee 75/362 CEE, 75/363 CEE, 82/76 CEE). La Suprema Corte mette la parola fine…
Un’altra importante vittoria del nostro Studio legale che ha consentito ai medici specializzandi di ottenere il rimborso per gli anni di specializzazione prestati dal 1981 al 1985. Ancora una volta il Tribunale di Roma competente in subjecta materia è dalla nostra parte e già dal primo grado rifonde ai medici soldi e risarcimento del danno. Vai al provvedimento vittorioso in allegato.
Il tribunale civile di Roma riafferma il diritto dei medici ad essere retribuiti per il periodo di specializzazione anche a tempo parziale Mediante la sentenza n. 9319 del 9 maggio 2011 il Tribunale civile di Roma ha riconosciuto il diritto del ricorrente ad ottenere l’erogazione delle somme dovute per il periodo in cui ha frequentato un corso di specializzazione, in medicina e chirurgia, a tempo ridotto. Il Tribunale ha statuito l’applicazione dei principi giuridici statuiti “con l’emissione della sentenza della Corte di Giustizia n. 371 del 3 ottobre 2000 (Causa C-371-/97, Gozza), con la quale per la prima volta la…

Visite oggi 109

Visite Globali 1876315