Giovedì, 06 Giugno 2013 15:20

CONCORSO UNIVERSITARIO PER LE SEDI AGGREGATE DI BARI FOGGIA E CAMPOBASSO: PER IL TAR MOLISE IL CONCORSO E’ FALSATO.

Pubblicato in News

Nella serata del 4 giugno il T.A.R. di Campobasso scioglie la riserva del lontano 11 aprile 2013, decidendo le sorti di migliaia di studenti, le cui graduatorie erano state sospese dallo stesso Tar.   La I° sezione del Tar, presieduta dal Presidente Goffredo Zaccardi, con estensore della sentenza il Consigliere Orazio Ciliberti, ha censurato l'operato del concorso in cui non sono state verbalizzate le operazioni di correzione degli elaborati.

Per il Tar è un vizio rilevante e grave poiché non consente di verificare successivamente la correttezza delle operazioni del concorso.

Il Tribunale Amministrativo ha, così, accolto il ricorso dell'U.D.U., assistito dallo Studio Legale Avvocato Michele Bonetti & Partners, accogliendo le tesi dei suoi patrocinatori, Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia.

Per i detti difensori e per il Tar, il trucco è nel codice a barre e nel numero riportato sulle schede consegnate ai concorrenti e su tutto il materiale consegnato e che rende, in astratto, identificabile l'autore della prova anche dopo la conclusione della stessa e persino nel momento successivo della valutazione dei questionari.

Per Michele Orezzi, coordinatore U.D.U., "è gravissimo che un fatto facilmente modificabile a livello normativo, si rinnovi di anno in anno con la possibilità di manipolare l'esito di una prova e di identificare i candidati".

Sempre per l'U.D.U. :"Non è più questione di graduatoria nazionale, di punti di diploma o altro, ma il problema è proprio lo stesso test ed il blocco degli accessi che va completamente e radicalmente cambiato".

Visite oggi 238

Visite Globali 2911763