Avvocato Michele Bonetti

Avvocato Michele Bonetti

Prorogata al 10 agosto l'adesione al ricorso per l'attribuzione del "giusto" punteggio nelle Graduatorie di Circolo e d'Istituto.

I ricorsi sono infatti finalizzati all'impugnazione del DM 353 del 2014 nella parte in cui delinea le “solite” disparità di trattamento. L'insidia è contenuta nelle anticipazioni sulle tabelle di valutazione dei titoli, secondo la quale a chi ha conseguito l'abilitazione con il  Tirocinio formativo attivo sarà riconosciuto un punteggio che valorizzi non tanto il titolo, quanto il sistema di accesso, basato su test pieni di errori macroscopici e di carattere enigmistico; un punteggio maggiore rispetto a chi ha frequestato invece i PAS, nonostante i due percorsi siano sostanzialmente identici.

Stessa disparità di attribuzione di punteggio per coloro che hanno ottenuto un diploma magistrale ante 2001/2002, rispetto a chi ha conseguito la laurea in Scienze della Formazione Primaria.

 

A chi è rivolto questo ricorso:

 

  1. diplomati magistrali, il cui titolo, dichiarato “equivalente” rispetto ai laureati in Scienze della Formazione Primaria, è di fatto sminuito nell'attribuzione del punteggio, il quale non sarà neanche uguale a quello precedentemente raggiunto nelle graduatorie di III fascia e svalutato tanto da far risultare quasi inutile avere maturato, ai fini della posizione in graduatoria, il punteggio derivante dal servizio pluriennale.
  2. docenti abilitandi e abilitati con i PAS, per i quali è previsto che il punteggio dell'abilitazione sia di gran lunga inferiore a quello assegnato agli abilitati con i TFA, pure ESSENDO EQUIVALENTE sia il  percorso abilitante stesso e sia avendo sostenuto gli stessi esami e i medesimi costi.
  3. docenti scaglionati PAS, già penalizzati dallo scaglionamento stesso condotto su basi arbitrarie, che pagane lo scotto di essere inclusi nei PAS dei prossimi anni accademici e che non potranno accedere con riserva alla II fascia.  


Per aderire è necessario inviare ENTRO E NON OLTRE a giornata di oggi, con raccomandata 1 (celere):

 - Copia della domanda di inclusione in GI e copia delle ricevute di spedizione (nel caso della raccomandata)

- La procura firmata in originale che torverete in allegato

- Copia di un documento di identità

- Copia del bonifico di € 100,00 (coordinate in allegato).

all'indirizzo:

Avv. Michele Bonetti

Studio Legale Avv. Michele Bonetti & Partners

Via S. Tommaso D'Aquino 47

Roma 00136

Il plico, contenente la documentazione indicata, dovrà riportare in stampatello maiuscolo "G.I. - titolo di abilitazione- " (Es. G.I. MAGISTRALE)

Per ogni informazione Vi preghiamo di inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mercoledì, 09 Luglio 2014 16:53

ASN: IL TAR LAZIO ACCOGLIE

Dopo aver ribaltato l’orientamento del Consiglio di Stato, anche il TAR del Lazio cambia idea e fa riesaminare i giudizi collegiali negativi in relazione al conseguimento dell’Abilitazione Scientifica Nazionale concernente la funzione di professore universitario di seconda fascia.

Per il TAR del Lazio il nostro ricorso è fornito di sufficiente fumus boni iuris in ordine all’incongruità del giudizio collegiale negativo espresso dalla Commissione rispetto ai giudizi individuali dei singoli commissari.

La terza sezione ritiene, pertanto, di accogliere l’istanza cautelare, obbligando una rivalutazione del curriculum del candidato da parte di una Commissione in diversa composizione.

In data 25 giugno 2014 finisce una battaglia tra l’UdU e l’Ateneo fiorentino, e a mettere la parola fine è un’ordinanza cautelare ottenuta in secondo grado su una vicenda nota alle cronache locali che aveva coinvolto migliaia di studenti toscani.  L’UdU Firenze aveva evidenziato con veemenza sulla stampa e nelle aule giudiziarie, anche penali una serie di irregolarità concorsuali attinenti al concorso di Medicina e Chirurgia dell’anno accademico 2013/2014. A Firenze più che mai era stato violato il principio dell’anonimato e della segretezza concorsuale e l’Università aveva dato ad ogni candidato un cartellino da appende ad ogni concorso con sopra scritto nome e cognome. Il Tar fiorentino aveva rigettato il ricorso decretando l’incompetenza del TAR locale poiché il concorso ormai è caratterizzato da una graduatoria nazionale che fa si che l’unico TAR competente è quello del Lazio. Il TAR del Lazio adito poi in riassunzione aveva rigettato il ricorso condannando l’UdU a migliaia di euro di spese legali. L’UdU ed i suoi legali imperterriti hanno adito il Consiglio di Stato che ha riformato il provvedimento ammettendo tutti i ricorrenti patrocinati dall’UdU e annullando la condanna alle spese legali. Ancora una volta la nostra determinazione e perseveranza ci ha fatto raggiungere la meta!

 

Vedi la Repubblica on line:

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2014/06/27/news/medicina_il_giudice_boccia_il_test_e_riammette_i_candidati_esclusi-90151801/

Venerdì, 27 Giugno 2014 17:49

ELENCO MAXI-COLLETTIVO U.D.U.

Gentilissimi ricorrenti, 

è con grande soddisfazione che comunico l’inizio del MAXI RICORSO U.D.U. e di tutti i ricorsi collettivi e dei semi collettivi per i ricorrenti U.D.U..

Per lo Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners e per l’U.D.U. sono state giornate calde e abbiamo lavorato giorno e notte con passione per far partire questo ricorso.

Vi abbiamo sempre sentiti al nostro fianco, abbiamo avvertito la Vostra energia che ci ha dato la forza di non arrenderci mai, e per questo Vi ringrazio di cuore.

Con la presente, ciascuno di Voi potrà verificare l’inserimento nel ricorso del proprio nominativo per il tramite del codice fiscale; per ragioni di tutela della privacy, infatti, abbiamo pensato di identificarVi solo con il Vostro codice fiscale.

A breve pubblicheremo altre news in ordine allo stato del procedimento e alla fissazione della data di udienza, spiegandoVi le nostre suddivisioni.

Vi ringraziamo ancora per la Vostra massiccia partecipazione e alleghiamo con estremo piacere un elenco di oltre 4.000 nostri eroi che sono pronti a combattere per i diritti, denunciando la violazione del principio dell’anonimato e segretezza nei concorsi pubblici, le domande errare e le irregolarità concorsuali.

Non ci arrenderemo mai. Barra dritta verso il sole, quello dell'U.D.U.

Sempre grazie.

Vostro Avvocato Michele Bonetti e tutto lo Studio.

Per la prima volta nella storia dei trasferimenti dall’estero, il Consiglio di Stato accoglie un ricorso sui trasferimenti, facendo rientrare dalla Spagna un nostro ricorrente. “Trattasi di un’ordinanza cautelare del Consiglio di Stato che, seppur non motivata nel merito, rappresenta la prima breccia in un orientamento sino ad oggi consolidato. L’UDU porterà la questione sino all’Adunanza Plenaria” - a parlare è l’Avvocato dell’UDU Michele Bonetti, patrocinatore del ricorso insieme all’Avv. Umberto Cantelli e Santi Delia.

Gli studi all’estero” prosegue Michele Bonetti “a seguito delle strettoie del numero chiuso in Italia, sono un problema non più di pochi, ma di tutti i nostri giovani e delle nostre famiglie. Oggi sono 44.000 gli studenti all’estero che rappresentano un impoverimento culturale ed economico del nostro Paese. All’estero non si studia più solo Medicina e Odontoiatria, ma anche Fisioterapia, Professioni Sanitarie, Ingegneria ed Economia, tutti Corsi di Laurea che stanno completamente chiudendo a favore di poli esteri che poi scopriamo spesso collegati agli Atenei italiani”.

Dopo le vittorie ottenute al Consiglio di Stato sulla violazione del principio dell’anonimato durante i test di ammissione a medicina, e le reiterate illegittimità verificatesi anche quest’anno nella sede di Salerno, abbiamo deciso di riaprire le adesioni per i ricorsi per i candidati che hanno sostenuto il test in questa sede. Infatti nella sede Salernitana durante il test è stato applicato un adesivo identificativo del candidato in prossimità del codice a barre del compito, metodo già applicato l’anno scorso, e contro cui il Consiglio di Stato si è pronunciato, dichiarandone l’illegittimità (leggi la news qui).

Infatti le segnalazioni circa le irregolarità sono state tantissime e varie, quindi riteniamo che ci siano i presupposti per agire ed ottenere l'ammissione ristabilendo la legalità.

Specifichiamo a questo ricorso può aderire chiunque non partecipa già (o non ha mai partecipato) ai nostri ricorsi per l’a.a. 2014/2015, a causa della chiusura dei termini per l’adesione.

Ricordiamo che a causa della scadenza dei termini, per l'adesione a questo ricorso la documentazione dovrà pervenire perentoriamente entro e non oltre il 07 luglio 2014.

 

Per ulteriori informazioni può mandare una e-mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando nell’oggetto “informazioni nuovo ricorso Salerno”

Lunedì, 23 Giugno 2014 16:47

Ricorso al T.A.R. Medicina "TOR VERGATA"

Dopo le vittorie ottenute al Consiglio di Stato sulla violazione del principio dell’anonimato durante i test di ammissione a medicina, e le reiterate illegittimità verificatesi anche quest’anno nella sede di Tor Vergata (vedi il video sulle violazioni dell’anonimato a Tor Vergata negli anni precedenti qui), abbiamo deciso di riaprire le adesioni per i ricorsi per i candidati che hanno sostenuto il test in questa sede.

Infatti le segnalazioni circa le irregolarità sono state tantissime e varie, quindi riteniamo che ci siano i presupposti per agire ed ottenere l'ammissione ristabilendo la legalità.

Specifichiamo che a questo ricorso può aderire chiunque non partecipa già (o non ha mai partecipato) ai nostri ricorsi per l’a.a. 2014/2015, a causa della chiusura dei termini per l’adesione.

Ricordiamo che a causa della scadenza dei termini, per l'adesione a questo ricorso la documentazione dovrà pervenire perentoriamente entro e non oltre il 07 luglio 2014. 

Per ulteriori informazioni può mandare una e-mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , specificando nell’oggetto “Informazioni nuovo ricorso Torvergata

E’ del 24 maggio 2014 il provvedimento cautelare con cui l’On.le Tar del Lazio ha accolto il ricorso patrocinato dallo Studio Michele Bonetti Avvocato & Partners, ammettendo la ricorrente, precaria della scuola, a partecipare al percorso abilitante speciale (PAS).

La ricorrente era stata esclusa dai percorsi abilitanti speciali in quanto mancante del requisito dell’abilitazione previsto dal d.d.g. n. 58 del 25 luglio 2013, e per il fatto che la stessa intendesse partecipare per una classe di concorso diversa rispetto a quella per la quale aveva svolto il servizio.

L’On.le Collegio adito tuttavia, accogliendo il principio secondo cui “il servizio deve essere stato prestato con il possesso del titolo di studio prescritto, ma non è necessario che vi sia anche corrispondenza tra le materie insegnate e quelle per le quali è richiesta l'abilitazione”, ha accolto il nostro ricorso ed ha concesso alla docente precaria di prendere parte ai Percorsi abilitanti.

Un’altra importante vittoria dello Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners, in un ambito ove, sinora, il Tar del Lazio aveva espresso un orientamento negativo.

Scarica l’Ordinanza del Tar del Lazio (clicca qui).

Per aderire al ricorso o per maggiori informazioni sulle nostre iniziative, contatta lo Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dopo una sentenza negativa resa dal TAR di Trento, il sigillo dello Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners è stato definitivamente consacrato dal Consiglio di Stato, che ha accolto il nostro ricorso collettivo in appello, consentendo ai nostri ricorrenti vincitori del c.d. Concorsone, di ottenere il ruolo nella Pubblica Amministrazione Scolastica.

In allegato il provvedimento.

E’ del 24 maggio 2014 il provvedimento cautelare con cui l’On.le Tar del Lazio ha accolto il ricorso patrocinato dallo Studio Michele Bonetti Avvocato & Partners, ammettendo la ricorrente, precaria della scuola, a partecipare al percorso abilitante speciale (PAS).

La ricorrente era stata esclusa dai percorsi abilitanti speciali in quanto mancante del requisito dell’abilitazione previsto dal d.d.g. n. 58 del 25 luglio 2013, e per il fatto che la stessa intendesse partecipare per una classe di concorso diversa rispetto a quella per la quale aveva svolto il servizio.

L’On.le Collegio adito tuttavia, accogliendo il principio secondo cui “il servizio deve essere stato prestato con il possesso del titolo di studio prescritto, ma non è necessario che vi sia anche corrispondenza tra le materie insegnate e quelle per le quali è richiesta l'abilitazione”, ha accolto il nostro ricorso ed ha concesso alla docente precaria di prendere parte ai Percorsi abilitanti.

Un’altra importante vittoria dello Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners, in un ambito ove, sinora, il Tar del Lazio aveva espresso un orientamento negativo.

Scarica l’Ordinanza del Tar del Lazio (clicca qui).

Per aderire al ricorso o per maggiori informazioni sulle nostre iniziative, contatta lo Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visite oggi 24

Visite Globali 2910764