Pubblicato in Contro le bocciature
Il Tar Lazio ha confermato il decreto cautelare emesso in favore di un giovanissimo studente non ammesso alla terza elementare.Il piccolo era stato bocciato nonostante avesse una situazione personale molto difficile, originata purtroppo dalla perdita della madre pochi anni orsono. Una condizione psicologica, quella del bambino, sicuramente problematica, certificata anche dal parere di alcuni psicoterapeuti professionisti, che la scuola stessa non ha saputo gestire, ma che, anzi, ha provveduto a

Visite oggi 425

Visite Globali 2915610