Scuola http://avvocatomichelebonetti.it Wed, 17 Jan 2018 10:55:57 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it SI APRONO LE PREADESIONI PER I RICORSI IN CASSAZIONE E ALLA CEDU A SEGUITO DELLA PRONUNCIA DELLA PLENARIA http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1758-si-aprono-le-preadesioni-per-i-ricorsi-in-cassazione-e-alla-cedu-dopo-la-pronuncia-della-plenaria http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1758-si-aprono-le-preadesioni-per-i-ricorsi-in-cassazione-e-alla-cedu-dopo-la-pronuncia-della-plenaria SI APRONO LE PREADESIONI PER I RICORSI IN CASSAZIONE E ALLA CEDU A SEGUITO DELLA PRONUNCIA DELLA PLENARIA

A seguito della sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato che ha affermato che il diploma di maturità magistrale “non ha mai costituito titolo sufficiente per l’inserimento nelle graduatorie permanenti” (http://www.avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1753-plenaria-mobilitazione-per-l-8-gennaio-il-movimento-dei-precari-della-scuola-non-si-arresta-e-non-si-arrende), gli Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia, insieme alle Associazioni ADIDA e MIDA, agiranno con un ricorso giurisdizionale in Cassazione. Nella citata sentenza, difatti, sono riscontrabili difformità rispetto alle richieste articolate in sede di rimessione alla Plenaria, la quale si è spinta ben oltre i limiti del grado di giudizio
Per la tutela di tutti i nostri ricorrenti, per cui procederemo anche dinanzi alla CEDU nonché con tutte le azioni più opportune in Europa, auspichiamo un’attività coordinata e congiunta con gli altri avvocati, sindacati e associazioni che negli anni hanno difeso gli insegnanti con diploma magistrale ed insieme ai quali eravamo presenti in sede di Adunanza Plenaria in qualità di intervenienti.
Per questo motivo si dovrà agire per gradi in quanto i ricorsi in Cassazione e alla CEDU potranno essere proposti, in prima battuta, solo dei ricorrenti direttamente interessati e, solo successivamente, tutti gli altri soggetti lesi dalla sentenza potranno presentare ricorso in quanto portatori di un interesse concreto ed attuale.
Ribadiamo che il ricorso alla CEDU sarà avanzato per tutti coloro che vi aderiranno in maniera completamente gratuita e, trattandosi di uno studio legale, non vi sarà alcun costo da sostenere relativamente a tessere associative o sindacali, né alcun ulteriore onere o vincolo da parte Vostra. L’assistenza, dunque, sarà e rimarrà completamente gratuita.
Vi invitiamo, pertanto, a compilare il seguente form di preadesione, al fine di tenerVi aggiornati su tutte le azioni esperibili e, appena vi saranno le condizioni, agire immediatamente.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Precari della scuola Tue, 02 Jan 2018 08:59:06 +0000
FIT: ECCO LE FAQ SULLA FASE TRANSITORIA PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1755-fit-ecco-le-faq-sulla-fase-transitoria-per-il-reclutamento-del-personale-docente http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1755-fit-ecco-le-faq-sulla-fase-transitoria-per-il-reclutamento-del-personale-docente FIT: ECCO LE FAQ SULLA FASE TRANSITORIA PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE

1. Che cos’è il FIT?

Tramite l’atto di governo n. 377 di delega della L. 107/2015 sono state disposte modifiche sul sistema di formazione iniziale e di accesso ai ruoli di docente della scuola secondaria di primo e secondo grado sia sui posti comuni che su quelli di sostegno.

Il nuovo iter di formazione prevede l’instaurazione di un concorso pubblico nazionale a seguito del quale si accede al percorso triennale di formazione, inserimento e tirocinio (FIT) volto all’assunzione in ruolo.

 

2. Come è strutturato il FIT?

Il sistema di formazione iniziale e accesso ai ruoli è articolato in tre parti:

- un primo anno finalizzato al conseguimento del diploma di specializzazione per l’insegnamento nella scuola secondaria o in pedagogia e didattica speciale per le attività di sostegno;

- un secondo anno di formazione, tirocinio e primo inserimento nella funzione docente;

- un terzo anno di formazione, tirocinio, e inserimento nella funzione docente.

A tale corso/concorso si potrà accedere per titoli (laurea, titolo AFAM ed equivalenti) congiuntamente al possesso di 24 crediti formativi.

 

3. Che cos’è la fase transitoria?

La fase transitoria prevede le normali assunzioni dalle GAE e dalle GM del concorso 2016, alle quali si aggiungono le assunzioni da una nuova graduatoria di docenti (graduatoria regionale di merito degli abilitati) che sarà costituita a febbraio 2018 attraverso uno specifico concorso che prevede solo una prova orale, di natura didattico-metodologica, senza sbarramento.

Coloro che parteciperanno a tale fase saranno ammessi direttamente all’ultimo anno di formazione previsto dal FIT.

 

4. Chi potrà partecipare alla fase transitoria?

Potranno partecipare alla fase transitoria i docenti:

- abilitati nella scuola secondaria di primo o secondo grado;

- coloro che stanno frequentando i percorsi di specializzazione sul sostegno e che si abiliteranno entro il 30 giugno 2018;

- gli ITP iscritti nelle graduatorie ad esaurimento oppure nella seconda fascia delle graduatorie di istituto;

- coloro che, entro il termine di presentazione delle domande di partecipazione, avranno maturato un servizio di almeno tre anni scolastici, anche non continuativi, con riferimento agli ultimi 8 anni.

 

5. Sarà necessario aver conseguito 24 crediti formativi anche per partecipare alla fase transitoria?

No, per partecipare alla fase transitoria non sono richiesti i 24 CFU/CFA prescritti come requisito imprescindibile, invece, nella fase ordinaria.

 

6. Si potrà partecipare alla fase transitoria in tutte le regioni?

La procedura sarà attivata in tutte le regioni ma ogni insegnante potrà partecipare in un’unica regione per tutte le classi di concorso per le quali ha titolo.

 

7. Potranno partecipare alla procedura anche gli insegnanti già di ruolo?

Nel decreto legislativo che detta la disciplina relativa al nuovo sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli dei docenti per la scuola secondaria è espressamente previsto che coloro che sono già titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato da docente presso le scuole statali non possono prendere parte alla procedura. Tuttavia, secondo le ultime notizie, sembrerebbe che il Ministero abbia recepito la sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittima la disposizione contenuta nella c.d. Buona scuola, nel punto in cui si esclude la partecipazione dei docenti in ruolo ai concorsi pubblici per il reclutamento del personale docente. Rimaniamo comunque in attesa del testo definitivo del decreto e, qualora lesivo, agiremo immediatamente per la tutela di tale categoria di insegnanti.

 

8. I docenti che partecipano alla procedura in virtù del servizio svolto devono aver lavorato sulla classe di insegnamento specifica per almeno tre anni?

No in quanto, fermo restando il requisito dei tre anni di servizio (svolti in totale, anche non consecutivi, purché accumulati negli ultimi otto anni), ciascun docente potrà partecipare alla fase transitoria per le classi di concorso o tipologia di posto per le quali abbia maturato un servizio di almeno un anno ai sensi dell’art. 489 del decreto legislativo n. 297/1994.

 

9. Chi parteciperà alla fase transitoria potrà permanere nelle graduatorie di merito, GAE e nelle GI?

No, l’ammissione al citato percorso comporta la cancellazione da tutte le “vecchie” graduatorie e l’inserimento nelle “nuove” G.R.A.M.A., cioè le nuove graduatorie regionali di merito ed esaurimento.

 

10. Sono un insegnante in possesso di diploma di maturità magistrale, posso partecipare al FIT?

No, il FIT è previsto solo per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

 

11. Sono un insegnante inserito in II fascia delle G.I. e/o in G.A.E. con riserva processuale (con giudizio pendente), posso partecipare alla fase transitoria?

Le posizioni di tali docenti sono subordinate alla decisione definitiva del Giudice. Bisognerà attendere la pubblicazione del bando in fase di stesura da parte del M.I.U.R. per verificare come saranno affrontate tali posizioni. Ad oggi si può ipotizzare che rimarranno esclusi dalla procedura ma in ogni caso, qualora tali docenti dovessero essere lesi dalle disposizioni ministeriali, avanzeremo apposite azioni legali.

 

12. Sono un insegnante I.T.P. che, a seguito della nota dell’Avvocatura Generale dello Sato inoltrata al M.I.U.R. in data 12 agosto 2017 n. 396352 (prot. - AOODGPER. 35612 del 14 agosto 2017), è stato inserito con riserva in seconda fascia delle G.I. in via amministrativa, posso partecipare alla fase transitoria?

Anche in tal caso bisognerà attendere le determinazioni ministeriali di prossima pubblicazione e, in caso di esclusione dalla partecipazione alla fase transitoria, procederemo con appositi ricorsi.

 

13. Ho lavorato per almeno tre anni (anche non consecutivi purché accumulati negli ultimi otto anni) di cui almeno uno sul sostegno ma non ho, né sto conseguendo, l’apposita specializzazione. Posso partecipare alla fase transitoria per i posti di sostegno?

Si, può partecipare. All’art. 17 comma 7 del decreto legislativo difatti si legge: “ciascun soggetto può partecipare alla predetta procedura in un’unica regione per ciascuna tornata concorsuale, per le classi di concorso o tipologie di posto per le quali abbia maturato un servizio di almeno un anno […]”.

 

14. Ho lavorato per almeno tre anni (anche non consecutivi purché accumulati negli ultimi otto anni) nelle scuole paritarie, ai fini della partecipazione alla fase transitoria, il mio servizio può essere valutato al pari di quello svolto nella scuola statale?

Il decreto legislativo non fa riferimento al servizio svolto nell’una o nell’altra tipologia di scuola pertanto è lecito presumere, essendo le scuole paritarie parte integrante del sistema di istruzione nazionale, che le due tipologie di servizio possano essere equiparate. Per avere una certezza in tal senso sarà necessario attendere il testo definitivo del bando e, qualora dovessimo riscontrare illegittimità in tal senso, valuteremo se procedere con un ricorso ad hoc.

 

15. Ad oggi, quali ricorsi sono stati avviati?

Al fine di tutelare al meglio gli insegnanti che saranno lesi dalle disposizioni ministeriali di prossima pubblicazione e di cui è già stata resa nota una bozza, sono aperte le adesioni ai ricorsi al TAR per accedere al ruolo con il corso/concorso del 2018 per le seguenti categorie di insegnanti: Docenti A.F.A.M., Dottori di ricerca, Abilitati all’estero, Insegnanti I.T.P., Diplomati ISEF nonché per tutte le altre categorie che ci riserviamo di tutelare all’esito di una più approfondita analisi.

Per approfondimenti in merito e per la procedura di adesione al ricorso cliccare qui.

 

]]>
claudia.palladino@avvocatomichelebonetti.it (Claudia Palladino) Precari della scuola Thu, 21 Dec 2017 09:32:52 +0000
PLENARIA: MOBILITAZIONE PER L’8 GENNAIO. IL MOVIMENTO DEI PRECARI DELLA SCUOLA NON SI ARRESTA E NON SI ARRENDE http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1753-plenaria-mobilitazione-per-l-8-gennaio-il-movimento-dei-precari-della-scuola-non-si-arresta-e-non-si-arrende http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1753-plenaria-mobilitazione-per-l-8-gennaio-il-movimento-dei-precari-della-scuola-non-si-arresta-e-non-si-arrende PLENARIA: MOBILITAZIONE PER L’8 GENNAIO. IL MOVIMENTO DEI PRECARI DELLA SCUOLA NON SI ARRESTA E NON SI ARRENDE

La battaglia non si arresterà.
Fino all'ultima delle nostre energie ci batteremo per la salvaguardia di tutti i contratti in essere e per tutti i nostri ricorrenti, contro ogni forma di precariato, sfruttamento e abuso giuridico, politico e morale; in tutte le sedi e piazze europee e nazionali.
Di seguito la nostra nota insieme all'ADIDA e al MIDA: http://www.semprediritti.it/index.php/focus/item/709-plenaria-mobilitazione-per-l%E2%80%998-gennaio-il-movimento-dei-precari-della-scuola-non-si-arresta-e-non-si-arrende

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Precari della scuola Wed, 20 Dec 2017 18:59:24 +0000
IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE L’APPELLO SUL PERSONALE EDUCATIVO http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1751-il-consiglio-di-stato-accoglie-l-appello-sul-personale-educativo http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1751-il-consiglio-di-stato-accoglie-l-appello-sul-personale-educativo IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE L’APPELLO SUL PERSONALE EDUCATIVO

È di poche ore fa l’ordinanza del Consiglio di Stato che, a conferma del decreto cautelare pubblicato in data 6 novembre 2017, riforma il provvedimento del TAR del Lazio che aveva negato ai ricorrenti il passaggio in ruolo nella scuola primaria.

La pronuncia accoglie le doglianze dei ricorrenti illegittimamente lesi dall’ordinanza ministeriale n. 221 del 2017 la quale, nonostante i provvedimenti giudiziali già emanati dal Consiglio di Stato, perseverava nel discriminare gli educatori abilitati tramite il concorso del 2000 rispetto agli insegnanti di scuola elementare.

L’azione, patrocinata dagli Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia al fianco della Gilda degli insegnanti, ha portato alla luce l’irragionevole mancato riconoscimento di detto concorso come abilitante per la scuola elementare pur essendo identico (stessa modalità ed argomenti oggetto della selezione) a quello svolto contemporaneamente ma “abilitante all'insegnamento nella primaria”. Proprio alla luce dell’affinità strutturale e concettuale dei due concorsi e della dichiarata conformità delle abilitazioni in questione, non poteva non considerarsi illegittima la determinazione ministeriale di escludere il personale educativo dalla detta procedura.

Ora gli Uffici Scolastici dovranno eseguire il provvedimento celermente al fine di non pregiudicare ulteriormente la posizione dei ricorrenti – commenta l’Avv. Bonetti – che, pur svolgendo un compito ed una funzione sociale di estrema importanza, da sempre vengono lasciati in disparte dal Ministero dell’Istruzione”.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Precari della scuola Sun, 17 Dec 2017 18:39:32 +0000
FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI ABILITAZIONE CONSEGUITA ALL'ESTERO http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1750-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-abilitazione-conseguita-all-estero http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1750-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-abilitazione-conseguita-all-estero FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI ABILITAZIONE CONSEGUITA ALL'ESTERO

In vista del concorso riservato 2018 relativo al c.d. FIT e previsto dalla fase transitoria di cui al Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 per il riordino, l'adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di  accesso nei ruoli dei docenti sia su posti comuni sia di sostegno, si riportano di seguito le istruzioni per l'adesione al ricorso da parte degli insegnanti in possesso di abilitazione conseguita all'estero.

MODALITA' DI ADESIONE

Per aderire all’azione sarà necessario seguire pedissequamente le istruzioni che seguono.

1. Scaricare la procura allegata.

2. Stampare due copie della procura, compilarle e firmarle entrambe in originale (la sottoscrizione deve essere apposta a penna).

3. Effettuare il pagamento alle coordinare allegate di euro 90,00.

4.   Inoltrare, tramite raccomandata a.r. URGENTE di tipo 1 all’indirizzo Studio Legale Avv. Michele Bonetti e Santi Delia, Via San Tommaso d’Aquino, 47 – 00136, Roma, i seguenti documenti:

- dichiarazione sostitutiva di certificazione;
- due procure in originale e sottoscritte;
- Copia del bonifico effettuato alle coordinate allegate (nella causale del bonifico dovrete inserire il vostro nome, cognome, C.F. e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”).
Sulla busta deve essere apposta la scritta “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA” e ogni busta deve contenere una sola adesione.

5. Inoltrare a mezzo e-mail a info@avvocatomichelebonetti.it la scansione di TUTTI I DOCUMENTI INOLTRATI A MEZZO RACCOMANDATA A.R., inserendo nell’oggetto dell’e-mail il vostro nome, cognome e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”.

6. Compilare (solo una volta e inserendo dati veritieri e verificati) il seguente form online: https://goo.gl/forms/9Oz52LY9NepOvMi53

TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DEVE PERVENIRE ENTRO IL 6 FEBBRAIO 2018.

SI INVITA A PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE NELL'INSERIMENTO DEI DATI CON L'AVVERTIMENTO CHE LE COMUNICAZIONI DA PARTE DELLO STUDIO AVVERRANNO PREVALENTEMENTE A MEZZO E-MAIL. 

Attenzione, la carenza della documentazione richiesta o l’inesattezza dei dati inseriti comporterà l’esclusione dal ricorso. Si precisa in tal senso che non è ammessa la sostituzione dell’originale da inviare a mezzo racc. a/r con l’invio busta tramite mail pec.  Ai fini della proposizione del ricorso sarà necessario ed indispensabile produrre l’intera documentazione oltre che nelle modalità indicate anche e soprattutto in originale con relativa sottoscrizione ORIGINALE. Non si ammetteranno copie, fotocopie, firme pre-configurate o firme digitali.

QUESTO STUDIO DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ IN MERITO ALL’EVENTUALE MANCATO INSERIMENTO NEL RICORSO QUALORA LA DOCUMENTAZIONE NON DOVESSE GIUNGERE ENTRO I TERMINI STABILITI O NEL CASO IN CUI NON SIANO RISPETTATE LE PROCEDURE PREVISTE NELLA PRESENTE INFORMATIVA RISERVANDOSI, ANCHE IN IPOTESI DI CORRETTEZZA DELLA PROCEDURA SEGUITA, L’ACCETTAZIONE DEI VOSTRI MANDATI CHE VERRA' COMUNICATA ESCLUSIVAMENTE VIA MAIL.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Scuola Mon, 18 Dec 2017 15:35:54 +0000
FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI DIPLOMA ISEF http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1749-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-diploma-isef http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1749-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-diploma-isef FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI DIPLOMA ISEF

In vista del concorso riservato 2018 relativo al c.d. FIT e previsto dalla fase transitoria di cui al Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 per il riordino, l'adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di  accesso nei ruoli dei docenti sia su posti comuni sia di sostegno, si riportano di seguito le istruzioni per l'adesione al ricorso da parte degli insegnanti in possesso di diploma ISEF.

MODALITA' DI ADESIONE

Per aderire all’azione sarà necessario seguire pedissequamente le istruzioni che seguono.

1. Scaricare la procura allegata.

2. Stampare due copie della procura, compilarle e firmarle entrambe in originale (la sottoscrizione deve essere apposta a penna).

3. Effettuare il pagamento alle coordinare allegate di euro 90,00.

4.   Inoltrare, tramite raccomandata a.r. URGENTE di tipo 1 all’indirizzo Studio Legale Avv. Michele Bonetti e Santi Delia, Via San Tommaso d’Aquino, 47 – 00136, Roma, i seguenti documenti:

- dichiarazione sostitutiva di certificazione;
- due procure in originale e sottoscritte;
- Copia del bonifico effettuato alle coordinate allegate (nella causale del bonifico dovrete inserire il vostro nome, cognome, C.F. e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”).
Sulla busta deve essere apposta la scritta “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA” e ogni busta deve contenere una sola adesione.

5. Inoltrare a mezzo e-mail a info@avvocatomichelebonetti.it la scansione di TUTTI I DOCUMENTI INOLTRATI A MEZZO RACCOMANDATA A.R., inserendo nell’oggetto dell’e-mail il vostro nome, cognome e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”.

6. Compilare (solo una volta e inserendo dati veritieri e verificati) il seguente form online: https://goo.gl/forms/T2alxnt5WoFmAFfG2

TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DEVE PERVENIRE ENTRO IL 6 FEBBRAIO 2018.

SI INVITA A PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE NELL'INSERIMENTO DEI DATI CON L'AVVERTIMENTO CHE LE COMUNICAZIONI DA PARTE DELLO STUDIO AVVERRANNO PREVALENTEMENTE A MEZZO E-MAIL. 

Attenzione, la carenza della documentazione richiesta o l’inesattezza dei dati inseriti comporterà l’esclusione dal ricorso. Si precisa in tal senso che non è ammessa la sostituzione dell’originale da inviare a mezzo racc. a/r con l’invio busta tramite mail pec.  Ai fini della proposizione del ricorso sarà necessario ed indispensabile produrre l’intera documentazione oltre che nelle modalità indicate anche e soprattutto in originale con relativa sottoscrizione ORIGINALE. Non si ammetteranno copie, fotocopie, firme pre-configurate o firme digitali.

QUESTO STUDIO DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ IN MERITO ALL’EVENTUALE MANCATO INSERIMENTO NEL RICORSO QUALORA LA DOCUMENTAZIONE NON DOVESSE GIUNGERE ENTRO I TERMINI STABILITI O NEL CASO IN CUI NON SIANO RISPETTATE LE PROCEDURE PREVISTE NELLA PRESENTE INFORMATIVA RISERVANDOSI, ANCHE IN IPOTESI DI CORRETTEZZA DELLA PROCEDURA SEGUITA, L’ACCETTAZIONE DEI VOSTRI MANDATI CHE VERRA' COMUNICATA ESCLUSIVAMENTE VIA MAIL.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Scuola Mon, 18 Dec 2017 15:30:15 +0000
FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI DOTTORATO DI RICERCA http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1748-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-dottorato-di-ricerca http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1748-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-dottorato-di-ricerca FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI DOTTORATO DI RICERCA

In vista del concorso riservato 2018 relativo al c.d. FIT e previsto dalla fase transitoria di cui al Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 per il riordino, l'adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di  accesso nei ruoli dei docenti sia su posti comuni sia di sostegno, si riportano di seguito le istruzioni per l'adesione al ricorso da parte degli insegnanti in possesso di dottorato di ricerca.

MODALITA' DI ADESIONE

Per aderire all’azione sarà necessario seguire pedissequamente le istruzioni che seguono.

1. Scaricare la procura allegata.

2. Stampare due copie della procura, compilarle e firmarle entrambe in originale (la sottoscrizione deve essere apposta a penna).

3. Effettuare il pagamento alle coordinare allegate di euro 90,00.

4.   Inoltrare, tramite raccomandata a.r. URGENTE di tipo 1 all’indirizzo Studio Legale Avv. Michele Bonetti e Santi Delia, Via San Tommaso d’Aquino, 47 – 00136, Roma, i seguenti documenti:

- dichiarazione sostitutiva di certificazione;
- due procure in originale e sottoscritte;
- Copia del bonifico effettuato alle coordinate allegate (nella causale del bonifico dovrete inserire il vostro nome, cognome, C.F. e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”).
Sulla busta deve essere apposta la scritta “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA” e ogni busta deve contenere una sola adesione.

5. Inoltrare a mezzo e-mail a info@avvocatomichelebonetti.it la scansione di TUTTI I DOCUMENTI INOLTRATI A MEZZO RACCOMANDATA A.R., inserendo nell’oggetto dell’e-mail il vostro nome, cognome e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”.

6. Compilare (solo una volta e inserendo dati veritieri e verificati) il seguente form online: https://goo.gl/forms/61BNcTRkgfAY2yRv2

TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DEVE PERVENIRE ENTRO IL 6 FEBBRAIO 2018.

SI INVITA A PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE NELL'INSERIMENTO DEI DATI CON L'AVVERTIMENTO CHE LE COMUNICAZIONI DA PARTE DELLO STUDIO AVVERRANNO PREVALENTEMENTE A MEZZO E-MAIL. 

Attenzione, la carenza della documentazione richiesta o l’inesattezza dei dati inseriti comporterà l’esclusione dal ricorso. Si precisa in tal senso che non è ammessa la sostituzione dell’originale da inviare a mezzo racc. a/r con l’invio busta tramite mail pec.  Ai fini della proposizione del ricorso sarà necessario ed indispensabile produrre l’intera documentazione oltre che nelle modalità indicate anche e soprattutto in originale con relativa sottoscrizione ORIGINALE. Non si ammetteranno copie, fotocopie, firme pre-configurate o firme digitali.

QUESTO STUDIO DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ IN MERITO ALL’EVENTUALE MANCATO INSERIMENTO NEL RICORSO QUALORA LA DOCUMENTAZIONE NON DOVESSE GIUNGERE ENTRO I TERMINI STABILITI O NEL CASO IN CUI NON SIANO RISPETTATE LE PROCEDURE PREVISTE NELLA PRESENTE INFORMATIVA RISERVANDOSI, ANCHE IN IPOTESI DI CORRETTEZZA DELLA PROCEDURA SEGUITA, L’ACCETTAZIONE DEI VOSTRI MANDATI CHE VERRA' COMUNICATA ESCLUSIVAMENTE VIA MAIL.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Scuola Mon, 18 Dec 2017 15:27:30 +0000
FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI TITOLO AFAM http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1747-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-titolo-afam http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1747-fit-ricorso-per-gli-insegnanti-in-possesso-di-titolo-afam FIT, RICORSO PER GLI INSEGNANTI IN POSSESSO DI TITOLO AFAM

In vista del concorso riservato 2018 relativo al c.d. FIT e previsto dalla fase transitoria di cui al Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 per il riordino, l'adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di  accesso nei ruoli dei docenti sia su posti comuni sia di sostegno, si riportano di seguito le istruzioni per l'adesione al ricorso da parte degli insegnanti in possesso di titolo AFAM.

MODALITA' DI ADESIONE

Per aderire all’azione sarà necessario seguire pedissequamente le istruzioni che seguono.

1. Scaricare la procura allegata.

2. Stampare due copie della procura, compilarle e firmarle entrambe in originale (la sottoscrizione deve essere apposta a penna).

3. Effettuare il pagamento alle coordinare allegate di euro 90,00.

4.   Inoltrare, tramite raccomandata a.r. URGENTE di tipo 1 all’indirizzo Studio Legale Avv. Michele Bonetti e Santi Delia, Via San Tommaso d’Aquino, 47 – 00136, Roma, i seguenti documenti:

- dichiarazione sostitutiva di certificazione;
- due procure in originale e sottoscritte;
- Copia del bonifico effettuato alle coordinate allegate (nella causale del bonifico dovrete inserire il vostro nome, cognome, C.F. e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”).
Sulla busta deve essere apposta la scritta “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA” e ogni busta deve contenere una sola adesione.

5. Inoltrare a mezzo e-mail a info@avvocatomichelebonetti.it la scansione di TUTTI I DOCUMENTI INOLTRATI A MEZZO RACCOMANDATA A.R., inserendo nell’oggetto dell’e-mail il vostro nome, cognome e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”.

6. Compilare (solo una volta e inserendo dati veritieri e verificati) il seguente form online: https://goo.gl/forms/hvkUUy9nqjObbGn73

TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DEVE PERVENIRE ENTRO IL 6 FEBBRAIO 2018.

SI INVITA A PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE NELL'INSERIMENTO DEI DATI CON L'AVVERTIMENTO CHE LE COMUNICAZIONI DA PARTE DELLO STUDIO AVVERRANNO PREVALENTEMENTE A MEZZO E-MAIL. 

Attenzione, la carenza della documentazione richiesta o l’inesattezza dei dati inseriti comporterà l’esclusione dal ricorso. Si precisa in tal senso che non è ammessa la sostituzione dell’originale da inviare a mezzo racc. a/r con l’invio busta tramite mail pec.  Ai fini della proposizione del ricorso sarà necessario ed indispensabile produrre l’intera documentazione oltre che nelle modalità indicate anche e soprattutto in originale con relativa sottoscrizione ORIGINALE. Non si ammetteranno copie, fotocopie, firme pre-configurate o firme digitali.

QUESTO STUDIO DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ IN MERITO ALL’EVENTUALE MANCATO INSERIMENTO NEL RICORSO QUALORA LA DOCUMENTAZIONE NON DOVESSE GIUNGERE ENTRO I TERMINI STABILITI O NEL CASO IN CUI NON SIANO RISPETTATE LE PROCEDURE PREVISTE NELLA PRESENTE INFORMATIVA RISERVANDOSI, ANCHE IN IPOTESI DI CORRETTEZZA DELLA PROCEDURA SEGUITA, L’ACCETTAZIONE DEI VOSTRI MANDATI CHE VERRA' COMUNICATA ESCLUSIVAMENTE VIA MAIL.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Scuola Mon, 18 Dec 2017 15:23:19 +0000
FIT, RICORSO PER GLI ITP http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1745-fit-ricorso-per-gli-itp http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/1745-fit-ricorso-per-gli-itp FIT, RICORSO PER GLI ITP

In vista del concorso riservato 2018 relativo al c.d. FIT e previsto dalla fase transitoria di cui al Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 per il riordino, l'adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di  accesso nei ruoli dei docenti sia su posti comuni sia di sostegno, si riportano di seguito le istruzioni per l'adesione al ricorso da parte degli insegnanti in possesso di diploma ITP. 

MODALITA' DI ADESIONE

Per aderire all’azione sarà necessario seguire pedissequamente le istruzioni che seguono.

1. Scaricare la procura allegata.

2. Stampare due copie della procura, compilarle e firmarle entrambe in originale (la sottoscrizione deve essere apposta a penna).

3. Effettuare il pagamento alle coordinare allegate di euro 90,00.

4.   Inoltrare, tramite raccomandata a.r. URGENTE di tipo 1 all’indirizzo Studio Legale Avv. Michele Bonetti e Santi Delia, Via San Tommaso d’Aquino, 47 – 00136, Roma, i seguenti documenti:

- dichiarazione sostitutiva di certificazione;
- due procure in originale e sottoscritte;
- Copia del bonifico effettuato alle coordinate allegate (nella causale del bonifico dovrete inserire il vostro nome, cognome, C.F. e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”).
Sulla busta deve essere apposta la scritta “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA” e ogni busta deve contenere una sola adesione.

5. Inoltrare a mezzo e-mail a info@avvocatomichelebonetti.it la scansione di TUTTI I DOCUMENTI INOLTRATI A MEZZO RACCOMANDATA A.R., inserendo nell’oggetto dell’e-mail il vostro nome, cognome e la dicitura “FIT + CATEGORIA DI APPARTENENZA”.

6. Compilare (solo una volta e inserendo dati veritieri e verificati) il seguente form online: https://goo.gl/forms/aQeblIGw1fDWgeTg2

TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DEVE PERVENIRE ENTRO IL 6 FEBBRAIO 2018.

SI INVITA A PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE NELL'INSERIMENTO DEI DATI CON L'AVVERTIMENTO CHE LE COMUNICAZIONI DA PARTE DELLO STUDIO AVVERRANNO PREVALENTEMENTE A MEZZO E-MAIL. 

Attenzione, la carenza della documentazione richiesta o l’inesattezza dei dati inseriti comporterà l’esclusione dal ricorso. Si precisa in tal senso che non è ammessa la sostituzione dell’originale da inviare a mezzo racc. a/r con l’invio busta tramite mail pec.  Ai fini della proposizione del ricorso sarà necessario ed indispensabile produrre l’intera documentazione oltre che nelle modalità indicate anche e soprattutto in originale con relativa sottoscrizione ORIGINALE. Non si ammetteranno copie, fotocopie, firme pre-configurate o firme digitali.

QUESTO STUDIO DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ IN MERITO ALL’EVENTUALE MANCATO INSERIMENTO NEL RICORSO QUALORA LA DOCUMENTAZIONE NON DOVESSE GIUNGERE ENTRO I TERMINI STABILITI O NEL CASO IN CUI NON SIANO RISPETTATE LE PROCEDURE PREVISTE NELLA PRESENTE INFORMATIVA RISERVANDOSI, ANCHE IN IPOTESI DI CORRETTEZZA DELLA PROCEDURA SEGUITA, L’ACCETTAZIONE DEI VOSTRI MANDATI CHE VERRA' COMUNICATA ESCLUSIVAMENTE VIA MAIL.

]]>
info@avvocatomichelebonetti.it (Avvocato Michele Bonetti) Scuola Mon, 18 Dec 2017 15:02:38 +0000
FIT: APERTE LE ADESIONI AL RICORSO AL TAR http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1744-fit-aperte-le-adesioni-al-ricorso http://avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/precari-della-scuola/1744-fit-aperte-le-adesioni-al-ricorso FIT: APERTE LE ADESIONI AL RICORSO AL TAR

Come noto, il Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 per il riordino, l'adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di  accesso nei  ruoli dei docenti sia su posti comuni sia di sostegno, prevede un sistema di formazione e reclutamento dei docenti della scuola secondaria di I e II grado strutturato in una prima fase nella quale si sosterrà un concorso e una seconda fase nella quale vi sarà un percorso di formazione (FIT) di durata triennale con il fine ultimo di assumere il docente a tempo indeterminato.

Sulla base di ciò è stata disposta una fase transitoria e, entro il 2018, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca bandirà il primo concorso per l’inserimento dei docenti nelle G.R.A.M.A., cioè le nuove graduatorie regionali di merito ed esaurimento.

Per ogni informazione o chiarimento in merito abbiamo predisposto le nostre FAQ in cui rispondiamo a tutte le Vostre domande più frequenti. Per leggere le FAQ cliccare qui.

Il nuovo concorso “semplificato”, di imminente indizione, avrà il medesimo impianto del concorso docenti del 2016, con le medesime illegittimità già censurate dal TAR e dal Consiglio di Stato.

Al fine di tutelare al meglio gli insegnanti che saranno lesi dalle disposizioni ministeriali di prossima pubblicazione e di cui è già stata resa nota una bozza di decreto, sono aperte le adesioni ai ricorsi al TAR per accedere al ruolo con il concorso a cattedra 2018 per le seguenti categorie di insegnanti:

- Docenti A.F.A.M., per aderire clicca qui.

- Dottori di ricerca, per aderire clicca qui.

- Abilitati all’estero, per aderire clicca qui.

- Insegnanti I.T.P., per aderire clicca qui.

- Diplomati ISEF, per aderire clicca qui.

Qualora non dovesse rientrare in nessuna delle categorie anzidette ma si ritiene leso dalla procedura ministeriale anzidetta, compili questo form.

Ci riserviamo di agire per la categoria dei c.d. 180 x 3 dopo un'attenta analisi giurisprudenziale considerando la presenza della copertura legale. Pur non escludendo tale campagna, riteniamo per serietà professionale di dover procedere con un opportuno approfondimento tecnico, anche in considerazione del fatto che non si è nell'imminenza della scadenza dei termini per agire qualora ne dovessero ricorrere gli estremi.

Sempre nell’ambito di tale categoria, è opportuno distinguere i soggetti che matureranno i 36 mesi di servizio nel mese di giugno (quindi allo scadere dell’anno scolastico) ma per cui, con ogni probabilità, il bando imporrà una scadenza anteriore per la presentazione della domanda di partecipazione alla fase transitoria.

Si rappresenta che tale situazione, per la sua peculiarità, potrebbe comportare un conflitto di interessi a motivo della diversità delle Vostre posizioni (sul punto vedasi l’ordinanza n. 5338/2017 resa dal Consiglio di Stato https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=63HNAC3K243PGE5VWLM5OVEXPI&q=  e l’ordinanza n. 6977/2017 resa dal TAR del Lazio https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=DIEZT57ZJ5CVKXIQNETAIF4FLQ&q=) da quella della categoria dei c.d. 180 x 3. Pertanto lo studio si riserva di inoltrare un ricorso in forma individuale o per gruppi più ristretti di soggetti con posizioni omogenee.

Sin da ora si rappresenta che il prezzo di tali azioni, per tutto il grado di giudizio, è di € 750,00 oltre il costo del contributo unificato, quando e se dovuto (quest’ultimo è dovuto qualora nell’ultimo stato di famiglia sia stato dichiarato un reddito superiore ad € 35.000,00).

Ritenendo verosimilmente fondato tale tipo di ricorso, Si invitano, dunque, i soggetti che si trovano in tale situazione a ad impugnare il bando, a nostro avviso lesivo delle Vostre posizioni.

A breve troverete tutta la documentazione volta all’adesione a tale tipologia di azione.

Ci riserviamo di agire, inoltre, per gli insegnanti di ruolo che vorrebbero partecipare su altra classe di insegnamento. Questa è sempre stata una nostra battaglia ma è presubibile che il decreto definitivo non sarà lesivo per tali insegnanti pertnto, anche per evitare un aggravio di spese, riteniamo di dover attendere nel raccogliere le adesioni confidando in un adeguamento da parte dell'Amministrazione. Ciò anche in considerazione del fatto che non si è nell'imminenza della scadenza dei termini per agire.

Ci riserviamo, infine, di agire per tutti i soggetti ammessi con riserva, che hanno ottenuto l’abilitazione con riserva o che partecipano a percorsi abilitanti con riserva, sempre qualora non sia previsto in via amministrativa la loro partecipazione al FIT.

A tali categorie si aggiungono tutti i macro-gruppi di soggetti non ammessi alla fase transitoria. Resta inteso che con ADIDA, MIDA e la Voce dei Giusti ci batteremo affinché tali categorie riescano ad ottenere la partecipazione al FIT senza ricorrere alle vie legali come in parte già riportato nell’incontro il Ministero dell’Istruzione con le suddette associazioni.

Si precisa che nei ricorsi di natura collettiva non verranno inseriti motivi aggiuntivi per coloro che rivestono situazioni particolari. Queste ultime impongono una tutela individualizzata, pertanto, al fine di evitare conflitti di interessi anche solo potenziali tra le varie posizioni (sul punto vedasi l’ordinanza n. 5338/2017 resa dal Consiglio di Stato e l’ordinanza n. 6977/2017 resa dal TAR del Lazio di cui sopra troverete i link), Vi invitiamo ad inoltrare una mail all’indirizzo info@avvocatomichelebonetti.it 

 

]]>
claudia.palladino@avvocatomichelebonetti.it (Claudia Palladino) Precari della scuola Mon, 01 Jan 2018 14:38:44 +0000