Scuola

In merito alla vicenda del concorso per il TFA sostegno 2017 III Ciclo, il nostro studio sta predisponendo un ricorso ad hoc per coloro che, pur avendo superato con esito positivo le tre prove previste dall’iter preselettivo ministeriale, sono risultati IDONEI- NON AMMESSI, in quanto non rientranti nei posti disponibili messi a bando da ciascun Ateneo. Stante la presenza di posti disponibili, all’esito della procedura concorsuale, presso altri Atenei, gli Avvocati Bonetti e Delia intendono patrocinare i predetti contenziosi innanzi al Tar, che ha già statuito quanto segue:“l’utilizzo integrale dei posti disponibili deve comunque essere il fine ultimo della selezione…
In merito alla vicenda del concorso per il TFA sostegno, che ha visto i candidati cimentarsi con le prove preselettive, il TAR del Lazio, a mezzo della sentenza pubblicata lo scorso 20 luglio, ha statuito l’illegittimità del limite di 21 punti - sui 30 complessivi - come soglia minima per l’accesso alle successive prove previste dal bando. Tale soglia ha, dunque, comportato l’esclusione dei candidati dalle successive prove scritte del concorso in parola nonostante la presenza di numerosi posti disponibili nel corso di specializzazione a fronte di quelli inizialmente previsti dal bando di indizione. Nel caso di specie, il numero…
Gli insegnanti depennati dalle GAE devono essere riammessi nelle graduatorie ambite. È questo il contenuto del decreto d’urgenza pubblicato dal Consiglio di Stato, sul ricorso patrocinato dagli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia insieme all'associazione ADIDA, che mira al nuovo inserimento in GAE di cento insegnanti illegittimamente depennati per il mancato aggiornamento. Il Consiglio di Stato ha inoltre precisato ancora una volta che gli insegnanti ammessi con riserva processuale devono avere la possibilità di stipulare contratti sia a tempo determinato che indeterminato. “E’ un’importante conferma che giunge alle soglie delle imminenti convocazioni - commentano gli avvocati Michele Bonetti e Santi…
Com'è noto, sebbene il Testo Unico in materia di istruzione (d.lgs. n. 297 del 1994, art. 400, comma 1) abbia previsto la cadenza triennale dei concorsi per l'assunzione nel settore scuola, quello del 2012 è stato il primo concorso dopo 13 anni di silenzio. In quell'anno, nello specifico, il bando prevedeva che sarebbero stati coperti 11.542 posti a cattedre di personale docente, attraverso l'approvazione di una graduatoria di merito con l'elenco di tutti i candidati che avessero superato la prova orale. In realtà, un numero ingente di vincitori di quel famoso concorso rimasero senza lavoro, sebbene non tutti i posti…
Gentili ricorrenti, Vi ricordiamo che per coloro che hanno inoltrato la domanda di inserimento/aggiornamento delle graduatorie di istituto di II e/o III fascia sarà compilabile su Istanze on line il MODELLO B dal 14 al 25 luglio 2017. Il modello si potrà redigere in sola forma telematica sul sito di “istanze on-line” e dovrà essere compilato al fine di inserire “un massimo di 20 istituzioni scolastiche, appartenenti alla medesima provincia, con il limite, per quanto riguarda la scuola dell'infanzia e primaria, di 10 istituzioni di cui, al massimo, 2 circoli didattici” come disposto dal decreto ministeriale. Considerando la circostanza che…
Come noto, a seguito dell’inoltro della domanda di aggiornamento delle G.I. da parte di alcune categorie di ricorrenti, si stanno verificando problematiche presso le istituzioni scolastiche. La questione riguarda i ricorrenti in possesso di diploma di maturità magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002 che, a seguito dell’accoglimento del ricorso, sono inseriti in I fascia delle G.I. a pieno titolo, ma con riserva processuale. Per tale categoria di insegnanti, il M.I.U.R. nel D.M. n. 374 del 1 giugno 2017 ha espressamente previsto all'art. 4 comma 15 che “gli aspiranti iscritti con riserva nelle graduatorie ad esaurimento e nelle correlate graduatorie di istituto…
Sono sempre più numerosi i provvedimenti che immettono gli insegnanti in possesso di laurea in scienze della formazione primaria in GAE. A pronunciarsi non è solo il G.A. ma anche diversi Giudici del Lavoro in tutta Italia che accolgono le doglianze dei ricorrenti. Ultima tra tutte è la pronuncia del Giudice del Lavoro di Prato che, con sentenza pubblicata in data 12 luglio 2017 che si rimette in allegato, ha dichiarato che “in accoglimento del ricorso, va affermato il diritto della ricorrente all’accesso alle graduatorie di suo interesse […] e, per l’effetto, in prima fascia delle GI per le corrispondenti…

Visite oggi 1389

Visite Globali 2112346