News

L'AQUILA - Rimane sotto sequestro il campus universitario realizzato in località Cavallari di Pizzoli (L'Aquila). A deciderlo è stato il Gip del tribunale dell'Aquila che ha respinto l'istanza presentata confermando quanto sostenuto da tempo dall'Udu e da Italia Nostra. La discussa struttura finì sotto sequestro nell'ottobre del 2010, dopo un blitz degli uomini del Corpo forestale su ordine della Procura. Tra i nomi delle undici persone che hanno ricevuto l'avviso di garanzia nell'ambito dell'operazione che ha portato al sequestro della struttura: il sindaco di Pizzol. Avvisi di garanzia relativi alla ditta "Fer.srl", che ha realizzato il campus e per i…
L'Unione degli universitari dell'Aquila, per tramite del suo avvocato Michele Bonetti, ha inviato una formale diffida nei confronti del Comune dell'Aquila, ed in particolare del Sindaco e dei Dirigenti competenti in materia di Ripianificazione e Urbanistica e di Bilancio e Patrimonio, per chiedere formalmente che vengano presi provvedimenti rispetto alla vicenda della Casa dello Studente San Carlo Borromeo. La struttura come è noto è stata realizzata con fondi pubblici, secondo modalità definite dall'accordo di programma stipulato in data 16 giugno 2009 firmato dal Comune dell'Aquila, la Regione Abruzzo, Regione Lombardia, Provincia dell'Aquila, Dipartimento di Protezione Civile e Curia Arcivescovile dell'Aquila.…
Venerdì, 22 Aprile 2011 16:04

La battaglia per L'Aquila

Scritto da
Pubblicato in News
CAMPUS UNIVERSITARIO. CONTINUA LA BATTAGLIA A DIFESA DI TANTI STUDENTI PER IL RISARCIMENTO DI TUTTI I DANNI SUBITI! Sono oltre 260 gli studenti che hanno versato caparre e primi canoni per un alloggio di cui non hanno mai usufruito: il Campus universitario di Pizzoli, intitolato alla memoria di Giulia Carnevale è stato sequestrato lo scorso ottobre dalla Forestale per violazioni delle norme urbanistiche e dei vincoli paesaggistici nella realizzazione delle palazzine destinate ad ospitare gli studenti.        
Venerdì, 22 Aprile 2011 13:22

La campagna degli specializzandi non medici

Scritto da
Pubblicato in News
A TUTTI GLI SPECIALIZZANDI Nessuna forma di remunerazione per gli specializzandi non medici: l'ennesima ingiustizia a danno di chi si prende cura della nostra salute! Il nostro studio è da sempre impegnato nella tutela del fondamentale diritto allo studio e nella difesa dell'altrettanto costituzionalmente garantito diritto alla retribuzione per il lavoro svolto. Per questa ragione non possiamo lasciare inascoltate le esigenze di tutti i soggetti che vengono lesi su entrambi i suddetti fronti: ci riferiamo a tutti quei giovani che pur frequentando- a seguito di regolare concorso- scuole di specializzazione medica, pur avendo l'obbligo di frequenza quotidiana nell'ambito di un…
Martedì, 19 Aprile 2011 13:05

NUMERO CHIUSO: SI CAMBIA?

Scritto da
Pubblicato in News
Di seguito un articolo del Ministro Gelmini con alcune proposte di graduatorie su base regionale. Ma non sarebbe meglio "testare" i nostri ragazzi per le loro capacità da dimostrare sul campo e non continuare a demandare ad un quiz la scelta dei Professionisti del domani? Avv. Michele Bonetti & Partners   Leggi l'articolo on-line sul Sole 24 ore 
Venerdì, 18 Marzo 2011 10:49

Tanti Auguri Italia

Scritto da
Pubblicato in News
“Torino addì 17 marzo 1861." Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato la legge n. 4671 del Regno di Sardegna con la proclamazione ufficiale del Regno d'Italia. Lo Studio Legale Avvocato Michele Bonetti & Partners si unisce a tutti gli Italiani in questo momento di festa con l'augurio che il sentimento di cittadinanza e di appartenenza alla Repubblica Italiana elevi tutti noi verso il bene comune e ci rammenti sempre il valore dell'etica delle istituzioni. Un augurio a tutti quanti, accompagnato da un messaggio di identità e unità nazionale che testimonia l'impegno di tutti noi nel valorizzare il…
Giovedì, 20 Gennaio 2011 15:46

Diecimila euro per testimoniare la volonta' di pentimento

Scritto da
Pubblicato in News
Lo studio legale Avvocato Michele Bonetti & Partners dal 2007 segue in prima linea le inchieste penali sui test di ingresso facendo costituire parte civile l’Unione degli Universitari, la struttura studentesca oggi più significativa sul suolo nazionale e che rappresenta la maggioranza relativa degli studenti italiani. Ad oggi la Procura di Roma e Bari sono ancora impegnate in complesse inchieste a seguito delle denunce di molti studenti da noi rappresentati su filoni da noi iniziati con denunce nominative sin dall’anno 2007. Di seguito un articolo sull’inchiesta di Bari.  Sei dei 127 imputati offrono denaro all'Ateneo in segno di pentimento e…

Visite oggi 114

Visite Globali 3034364