Sabato, 02 Maggio 2020 12:39

IL TAR DEL LAZIO ACCOGLIE IL RICORSO AVVERSO IL NUMERO CHIUSO PER UN CORSO DI LAUREA DELL'UNIVERSITA' DI TOR VERGATA E APRE AGLI STUDENTI.

Pubblicato in News
L' Università di Tor Vergata aveva limitato l’accesso al corso di laurea magistrale in Scienze della Nutrizione Umana in duplice modo: da un lato bandendo un contingente di 73 posti disponibili per la presenza di laboratori ad alta specializzazione, dall’altro, imponendo il superamento di una soglia di sbarramento pari a 10 punti. Con l'ordinanza n. 3287/2020 il TAR Lazio accoglie il ricorso rilevando l'illegittimità del doppio sbarramento anche alla luce dell'attivazione della c.d. “didattica a distanza” “Rilevato che, in base a quanto da ultimo allegato dal ricorrente (vedi deposito del 30.3.2020), risulta che l’Università degli studi di Tor Vergata stia proseguendo l’attività didattica “a distanza”, il che determina il riconoscimento dell’interesse del ricorrente ad ottenere la misura cautelare invocata; Ritenuto, dopo il sommario esame proprio della presente fase, che (...), “l’illegittimità della scelta dell’amministrazione di non consentire - ove (come nel caso di specie) siano stati ammessi, in ragione della soglia minima prevista, un numero di candidati inferiore al numero dei posti disponibili – lo scorrimento della relativa graduatoria fino alla copertura integrale di tali posti, osservando il Collegio come, in tali condizioni, l’acquisizione di forze universitarie inferiori alle complessive potenzialità recettive della struttura universitaria contrasti con la dichiarata finalità della programmazione delle immatricolazioni, consistente nella piena e completa saturazione di tutti i posti disponibili, anche in relazione ai principi costituzionali stabiliti agli articoli 33 e 34 della Costituzione (…) sicché appare del tutto irragionevole non utilizzare i posti disponibili rimasti vacanti, non consentendo una riapertura della graduatoria in favore degli studenti che abbiano riportato un punteggio inferiore alla soglia minima stabilita fino alla copertura del contingente di posti reso disponibile dall’Ateneo all’esito di un iter istruttorio (presumibilmente) adeguato e approfondito, volto all’esatta ricognizione del potenziale formativo disponibile”. “L'ordinanza” - riporta l’Avv. Michele Bonetti che ha visto da parte del Tar l’accoglimento delle sue tesi - “impone, alla luce delle nuove modalità di didattica on line, il ripensamento della validità del sistema ad accesso programmato sino ad oggi posto in essere dall'Amministrazione. Il concetto di capienza e di potenziale formativo dovranno essere necessariamente rivalutate alla luce delle nuove modalità di didattica con il conseguente aumento delle disponibilità dei posti per le immatricolazioni. Trattasi di un importante precedente del nostro studio legale Bonetti & Delia anche per il riconoscimento delle lezioni on Line e della illegittima chiusura e per il contingentamento del numero chiuso per il corso di laurea dell’ateneo romano.

Visite oggi 314

Visite Globali 3137809